Cantina La Barbera, un nuovo inizio con gli chef Margotti e Ferrucci

riceviamo e pubblichiamo da Alessia Giannino, giornalista.

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Cantina La Barbera è un locale molto caratteristico, sito nel cuore del Vomero, a pochi passi da Piazza Vanvitelli, precisamente in Via Morghen 36/A. Nato nel 1999 all’interno di un palazzo ottocentesco, i proprietari hanno deciso di lasciare quell’impronta del passato, con alcuni inserti nelle pareti in tufo.

Bellissima la cantina, dove durante la presentazione alla stampa si è tenuto l’aperitivo di benvenuto con la degustazione di alcuni formaggi del maestro Elio Testa:

Quadrello di capra alla salvia – latte crudo caprino

Blufalimo – erborinato Latte di bufala

Stregato alla menta – latte crudo vaccino

Portocereja– latte vaccino

Fiori di Arancio– erborinato Latte vaccino

Quadrello alla salvia impanato in farina di pane panko, cavolo cappuccio viola cotto in osmosi e marinato in aceto di lamponi.

Tutti molto buoni, ma quello che ha colpito maggiormente è lo Stregato alla menta, un sapore unico, fresco ma allo stesso tempo intenso. L’aperitivo con i formaggi di Elio Testa è stato solo il punto di partenza di una degustazione pensata ad hoc. Il decennio di Cantina La Barbera, infatti, si è aperto con un importante novità: l’arrivo ai comandi delle cucine dei due chef Igor Margotti e Fabiana Ferrucci, che hanno dato un grande slancio al menù e alla presentazione dei piatti.

Sebbene il punto di forza continui ad essere la carne alla brace, con tantissimi tagli disponibili, gli chef hanno dato spazio anche a tagli di carne meno nobili, come il diaframma di manzo e il quinto quarto. Durante la degustazione, dedicata alla stampa, infatti sono stati presentati anche questi piatti: Tartare di diaframma di manzo con crackers di capperi, polvere di pomodoro e maionese di limone e il Quinto quarto, cialdina di pane all’origano, cremoso al pecorino. Nel menù rimangono alcuni classici come gli Involtini siciliani e gli Ziti alla genovese. Molto interessante anche il Riso acquerello, cremoso di blu di bufala e tartare di black angus.

Ogni piatto è stato accompagnato da un vino, scelto dal sommelier e degustatore Ais Steffen Wagner, il quale firma le serate di degustazione che vengono effettuate in compagnia dei produttori di vino nella suggestiva cantina del locale intorno a un tavolo appoggiato sulle botti.

Un posto speciale, dove trascorrere una piacevole serata con gli amici, in compagnia di ottimi piatti, carne eccezionale e vini eccelsi.

 

I commenti sono chiusi.