Inaugurata la Primavera in un  posto da sogno, l’Antico Casale dei Mascioni

L’arrivo della primavera porta grandissimi cambiamenti in tavola e diventa l’occasione per festeggiare la stagionalità anche nel menù.

 

 

 

 

 

 

 

Cambiamenti come trasmettere l’entusiasmo ed il ritorno dei prodotti freschi disponibili, la sostenibilità nella ricerca degli ingredienti che diventata essenziale, ma soprattutto l’utilizzo di prodotti locali, tutto per permettere di rinnovarsi  e creare aspettative per un qualcosa più grande a venire.

 

 

 

 

 

 

 

La Primavera è un delicato tripudio di colori che deve essere presentato come una vera e propria celebrazione, un accadimento annuale da non perdere, per attirare moltissimi curiosi e impazienti di assaporare le novità della location; il cambiamento di piatto ed anche dei vini di accompagnamento, con il passaggio da quelli corposi invernali a quelli freschi e leggeri della stagione.

 

 

 

 

 

 

 

 

Per l’occasione Domenica 24 marzo 2019 l’Antico Casale dei Mascioni a Squille ha aperto le porte con un evento eccezionale, un incontro per festeggiare l’arrivo della Primavera, con ospiti ed amici esclusivamente invitati dalla famiglia Liguori. In questa celebrazione gli attori della cucina sono stati l’Executive Chef Salvatore Sabatino e Mirko Donnarumma insieme allo Pastry Chef pasticciere Onofrio Annunziata. Insieme hanno interpretato in maniera eccellente la Primavera attraverso gustose pietanze servite con un impeccabile servizio di sala e dai suoi sommelier che hanno curato le tipologie di vino delle Cantine Telaro in abbinamento alle portate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ad accogliere gli ospiti, la Famiglia Liguori, Raffaele e sua moglie Onorina e le figlie Ludovica ed Ileana. Quest’ultima giovane manager, abile ed esperta Wedding Planner, guida con successo lo staff ed i rapporti con i clienti. Per l’occasione un living esterno arredato con gusto e design è stato preparato in giardino sotto un elegante gazebo per un semplice aperitivo del Borgo accompagnato con due vini freschi e vivaci, Malafemmena Rosè 2018 dal colore rosa con un perlage fine ed aromi di mora e lamponi e fiori di campo ed una Falanghina Tefrite Brut 2018 dal profumo elegante, fruttato con delicati sentori di mela, albicocca e pera

 

 

 

 

 

 

La Famiglia Liguori, rappresenta una tra le più prestigiose famiglie che, da oltre un secolo, si dedica alla produzione e alla trasformazione di preziosi tessuti in seta di S. Leucio. Negli anni novanta, hanno restaurato l’antica proprietà di famiglia, per  dare vita ad un complesso ricettivo, raffinato  ed accogliente e sapientemente arredato, ideale per la realizzazione di eventi e momenti dedicati alla cultura del territorio. Il  Casale risale alla metà del 600 ed è situato nella campagna di Santa Maria a Vico  un tempo appartenuto al Barone Valletta. Un esempio di architettura rurale in tufo grigio,dove si gusta ovunque il fascino del passato.

 

 

 

 

 

 

 

E’ immerso nel verde del parco con piscina, ricco di sentieri in pietra che conducono dall’Antico Casale alla Sala delle trame Bianche, al Salone delle feste e alla Sala degli Specchi. Spettacolare è la Terrazza della Dea Dormiente, che si affaccia sul panorama naturalistico del Massiccio del Taburno, con un profilo che ci ricorda le sembianze di una donna supina con la testa verso la Valle Telesina. Ovunque nella location ci solo luminose vetrate che consentono da ogni ambiente di godere la bellezza della vegetazione e del panorama sul lago. Il Giardino è profumato da circa 3000 tipi di piante e fiori provenienti da tutto il mondo. Cipressi, pioppi, querce secolari, ulivi, carrubbi ed oleandri, un’atmosfera ridente piena di colori con siepi di alloro, mirto e rosmarino; archi in ferro battuto rivestiti da profumati gelsomini e le begonie primaverili

 

 

 

 

 

 

Gli interni sono arredati nel rispetto dell’impianto originario con i suoi eleganti salotti, una raccolta di antichi telai per la tessitura delle stoffe, le pregiate sete che arricchiscono gli arredi, un connubio di eleganza e tanta storia, testimonianza delle dimore nobiliari dell’800. La location è davvero incantevole, sembra di essere in una favola: il casale è immerso nel verde, lontano dalla città, in un’atmosfera pittoresca con una vista sulla valle. Ovunque c’è verde, un luogo magico, tanto suggestivo e lontano dal caos cittadino. Un posto veramente raffinato dove passare delle giornate in pieno relax, un paradiso infinito, per gustare i profumi ed i suoni della natura e di vedere i panorami che più amiamo

Menu di Primavera

Entrèe: Uovo marinato al fumo con perle dell’orto in doppia consistenza; Fiano Le Cinque Pietre 2018

Risotto di Primavera con vellutata di bufala e chips di maialino croccante e Tortelli di crema allo zafferano con vellutata di asparagi e polvere di speck con Falanghina di Vendemmia tardiva 2018;

Brasato di maialino al ristretto di Porto, soffice di patate e verdurine di stagione con Bariletta 2018

Cremoso al cheesecake su streusel di mandorle e mela golden con Passito di Falanghina Le Cinque Pietre 2017.

Antico Casale dei Mascioni

Via Mascioni- Squille di Castel Campagnano

 

©Mangiamed  P.Zinno

 

 

I commenti sono chiusi.