Cilento. Un immancabile successo lo Street Food Internazionale 2018 a Pattano

Lo Street Food Internazionale a Pattano ma sempre legato alla preziosa tradizione culinaria del Cilento

 

 

 

 

 

 

 

Estate 2018. Anche quest’anno a Pattano, un piccolo paesino del Cilento, precisamente di Vallo della Lucania, in provincia di Salerno, dove risiedono trecentonovantasei abitanti, dei quali centonovanta sono maschi e i restanti duecentosei femmine. Dall’11 al 13 Agosto diventa palcoscenico della famosissima manifestazione Street Food Internazionale, la Festa del cibo di strada, un percorso della gastronomia del territorio che accompagna le degustazioni della migliore cucina estera. Le degustazioni avvengono come ogni anno attraverso un itinerario di tante isole e stand gastronomici, strutture in legno sistemate con accuratezza nei caratteristici vicoli del paese, per creare un contatto diretto con i produttori di profumato cibo di strada, un’atmosfera di profumi, sapori regionali, i protagonisti dell’estate gastronomica a Pattano.

 

 

 

 

 

 

 

Questo Gemellaggio di paesi  all’insegna del Gusto ha da diversi anni l’obiettivo di far conoscere e valorizzare la storia e le tradizioni a tavola dei popoli, attraverso lo Street Food che non è solo un fenomeno di moda, ma è un nuovo modo di vivere il rapporto millenario di una cultura con il cibo, con le proprie radici. Oggi diventa una forma innovativa sorprendente e soprattutto gustosa. Giornali e riviste , trasmissioni televisive hanno consacrato il cibo “ On The Road” una nuova icona del terzo  millennio.

 

 

 

 

 

 

 

Anche questa estate il percorso gastronomico internazionale è sovrano nel piccolo e accogliente paesino di Pattano, una piccola frazione di Vallo della Lucania, lo Street Food Internazionale, dal 11 al 13 agosto  2018, la festa del cibo di strada come offerta gastronomica e degustazione della migliore cucina  estera. Tutti i vicoli del paesino si sono arricchiti di tante  isole gastronomiche, casette di legno colorate,  per riprodurre l’atmosfera, i profumi, i sapori, delle regioni protagoniste. Un gemellaggio all’insegna del gusto attraverso la storia e la tradizione di popoli perché il cibo di strada da anni rappresenta un fenomeno interessante, al quale si unisce anche tanta qualità e ricercatezza degli ingredienti.

 

 

 

 

 

 

 

Parlando di immagine, questa è di primaria importanza nell’ambito Street Food, come dire che l’occhio vuole la sua parte, ma alla base deve esserci un concept di assoluta solidità….parola d’ordine: freschezza e qualità della materia prima. Presenti Uruguay, Canada, Messico, Germania, Spagna, USA, senza rinunciare richiestissima cucina italiana, con degli chef venuti dalla Toscana, dall’Abbruzzo, dalla Sicilia e naturalmente dal Cilento. Il Festival è stato organizzato da Stradali di, che ha proposto tanto divertimento, animazione, balli folkloristici e musica popolare. Ecco alcune celle specialita’ più gettonate dello Street Food: Asado di carne, panino con soffritto di vitello, la Pajella spagnola, Pulled Pork, Pizza cilentana, mulignane ‘ mbuttunate, pasta e fagioli con le cozze, spaghetti allo scoglio, porchetta da Cicciobello, Fish and chips, zuppa di ceci e fagioli, calamari fritti, cuoppo di alici, pizza fritta, crocche’ di patate, le Muchace, spiedini di carne alla brace, fagioli alla messicana, cuoppo di anelli di cipolla, dolci tradizionali con i fichi e tagliata di frutta di stagione.

 

 

 

 

 

 

 

Lo Street food Internazionale rappresenta quindi una grande opportunità per chi ha creatività e voglia di fare, e non ha paura di mettersi in gioco. E’ un Festival Gastronomico estero ma sempre legato alla preziosa tradizione culinaria del Cilento, come un sogno aperto a tutti e quello che conta è conoscere il buon cibo, dal panino d’autore al cibo etnico. Vale quindi la pena spendere un po’ di tempo in giro per il paese a curiosare per capire come stanno cambiando i gusti nei paesi, proposto come sempre in modo accattivante e molto creativo.

 

©Mangiamed  Patrizia Zinno

 

I commenti sono chiusi.